mamma e l'espatrio
La mamma e l’espatrio, un rapporto difficile ma possibile
8 Novembre, 2019
seguire l'impulso
Seguire l’impulso, la mia sfida
16 Gennaio, 2020
Show all

L’anno che sta arrivando…

l'anno che sta arrivando

Sharing is caring!

Ho cominciato questo blog nel maggio del 2014, senza sapere davvero in che direzione volevo andare ma con l’idea che poteva essere uno strumento per farmi conoscere dal punto di vista professionale.

Sono davvero sorpresa di essere ancora qui dopo tutti questi anni e questo blog è diventato un’opportunità per riflettere non solo sul mio lavoro, ma anche sulla mia vita. Un’occasione per osservare con più attenzione le mie emozioni, per chiarire pensieri ingarbugliati, per condividere esperienze e creare un confronto.

Questo anno sta per finire e che come ogni cosa che finisce so già che mi mancherà anche se sono pronta a lasciarmi travolgere dai cambiamenti che ho davanti. Sono pronta ad accogliere l’anno che sta arrivando, a braccia aperte 🙂

Dopo 27 anni di vita in Australia, ho deciso che è giunto il momento di passare un po’ di tempo in Europa e ho comprato un biglietto di sola andata.

Cosa vuol dire un “biglietto di sola andata”?

Me lo sono chiesto spesso in questi mesi e penso di aver finalmente trovato la risposta giusta, una risposta che mi rassicura e mi fa stare bene.

Per me questo biglietto di sola andata vuole innanzi tutto dire essere “aperta”, aperta a qualsiasi cosa questo anno voglia offrirmi: esperienze, emozioni, sfide.

Mi piacerebbe un anno di lentezza, flessibilità e leggerezza.

Lentezza per assaporare il viaggio e l’attimo, per questo ho deciso che mi sposterò via terra e cercherò di abbandonare il volo.

Flessibilità per seguire i miei bisogni e i miei valori, per avere la libertà di cambiare programma se decido che è importante. Questo vuole anche dire che se devo volare, volerò e se devo tornare, tornerò!

Leggerezza per imparare a vivere con meno, un bagaglio leggero renderà anche il viaggio più facile e sicuramente la mia schiena me ne sarà grata 😉

L’idea è scattata all’improvviso, chiacchierando con un’amica davanti a un bel piatto di ravioli alle erbe, e mi è parso di ritrovare quell’impulsività che non vedevo da tempo ma che sapevo di non aver perso.

E così l’idea ha cominciato a prendere forma. Una forma sfocata e mutevole, piena di buchi e punti di domanda, ma che si addice a questo momento della mia vita, in cui ho deciso di mettere da parte le certezze ed accogliere l’imprevisto.

Un buon esercizio per una donna di mezza età abituata a tenere tutto sotto controllo 😉

Vorrei sentirmi utile, passare tempo con le persone che amo, comunicare e connettere, immergermi in culture e tradizioni che mi affascinano, viaggiare lentamente.

Nei prossimi mesi questo blog diventerà una raccolta di riflessioni ed esperienze su questa avventura, su questo anno per me, mentre scriverò di counseling e crescita personale sul blog di Supporto in Espatrio, il meraviglioso progetto di cui faccio parte.

Ovviamente continuerò a lavorare e per i miei clienti in Europa non ci sarà più il problema del fuso!

Tanti auguri di buone feste a tutti, grazie per avermi seguito fin qui e spero continuerete a leggere e scoprire quello che l’anno che sta arrivando mi porterà 🙂

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie. Continuando a navigare sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close