qualche riflessione
Prima settimana, qualche riflessione
31 Gennaio, 2020
Show all

Le mie giornate a Los Dolores

le mie giornate

Sharing is caring!

Le mie giornate sono uguali e diverse, intense e leggere, semplici e complesse.

Los Dolores è il mio quartiere e questo nome così drammatico mi è piaciuto subito. Ho immaginato un quartiere vissuto, con storie vere e l’opportunità di guardarmi intorno, osservare e scoprire.

Los Dolores è un quartiere popolare, con piccole case a schiera e uomini seduti nei bar a bere caffè asiatico di prima mattina. Io di prima mattina (orario spagnolo, verso le 10 😉 ) faccio colazione con il mio adorato pane e pomodoro, tostada con tomate e un cafe con leche. Non sono ancora riuscita a capire come una cosa così semplice possa portarmi tanto piacere!

le mie giornate Ma poi mi rendo conto di non essere sola a cominciare le mie giornate così. C’è la vecchina seduta nel tavolo accanto che guarda con occhi pieni di desiderio la sua tostada, mentre versa l’olio di oliva e aggiunge un pizzico di sale. C’è il giovane papà con il volto stravolto dopo una notte insonne, che approfitta di un momento in cui il suo bebè sembra dormire per godersi quella pausa e divorare con gusto quella delizia appena arrivata. C’è il calzolaio che ogni mattina lascia il suo negozio e si abbandona al piacere di una tostada con pomodoro e tonno! È osservando lui che ho scoperto una tecnica che rende il mio pane ancora migliore: con il cucchiaino faccio dei piccoli tagli per permettere al pomodoro di andare più in profondità!

Nonostante ci siano tanti bar, io ho il mio, dove non devo ordinare perché ormai sanno che non cambio e appena entro mettono il pane a tostare! A volte sono con Binta, la mia piccola compagna di avventure, e facciamo una strana coppia. Io donna di mezza età straniera e fuori posto e lei con i suoi capelli ricci e pelle scura, entrambe non apparteniamo ma allo stesso tempo siamo qui, sicure della nostra posizione in questo quartiere multiculturale e vivace.

Los Dolores è abitato in prevalenza da immigrati del medio oriente e gitani. Dalle botteghe escono profumi di spezie esotiche, le strade risuonano di un misto di lingue che rendono il quartiere colorato e allegro. Da casa mia sento il canto incessante dei galli, allevati illegalmente per farli lottare, la cosa mi turba ma allo stesso tempo mi affascina. Come può essere che nel 2020 in una strada di periferia sia possibile condurre attività del genere? “Vivi e lascia vivere” mi dice saggiamente Ana, che ha ereditato questa casa dalla nonna, la quale ha vissuto tranquillamente, seguendo questa filosofia, fino alla fine dei suoi giorni. le mie giornate

Le mie giornate passano passeggiando, chiacchierando, ascoltando e giocando con Binta e mi sembra di assorbire piano piano questo quartiere, questa vita. Nei giorni in cui lavoro torno con gioia al mio ruolo professionale, mi rendo conto dell’enorme privilegio di poter vivere in questi due mondi, così diversi e così infinitamente miei.

Quando ho più tempo cammino, sempre verso il mare e spesso sola. Questi momenti di solitudine sul mare portano riflessioni ma mi capita anche di ritrovarmi con una mente vuota, riempita semplicemente dal movimento dell’acqua e dall’orizzonte. Un’esperienza nuova perché la mia mente è sempre piena di pensieri, ingarbugliati e intriganti. Ed è questa pausa della mente che, penso, mi porti quella serenità interiore che mi capita di provare sempre più spesso.

È un bel periodo, in un paese straniero con il sapore di casa, con gente nuova che mi ha accolto, con il mio lavoro che mi segue e mi da stabilità e struttura e il supporto costante di famiglia e amici che mi fa sentire amata e sicura. 

Sono una donna fortunata.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie. Continuando a navigare sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close