More than one story – racconta una storia
27 Ottobre, 2017
relazionarsi
Relazionarsi
14 Novembre, 2017
Show all

Un counselor in italiano, come posso aiutare?

counselor

Sharing is caring!

La mia scelta di diventare counselor e lavorare soprattutto con clienti italiani, in italiano, è stata fatta con il cuore.

I primi anni in Australia non sono stati facili e mi sono spesso chiesta se avere l’opportunità di parlare con un counselor nella mia lingua madre avrebbe potuto facilitarmi il cammino. 

Da qui la mia decisione di creare un servizio a cui gli espatriati italiani in difficoltà potessero rivolgersi.

Un professionista con cui parlare per sentirsi capiti a fondo, non solo dal punto di vista linguistico, ma anche da quello sociale e culturale.

Un angolo in cui essere completamente se stessi, perché esprimersi nella propria lingua rimane, per me, uno dei modi più naturali per raccontare la nostra storia.

Quello che non avevo tenuto in considerazione è che la professione del counselor è veramente poco conosciuta in Italia ed inoltre non è regolamentata dalla legge italiana. Questo permette a chiunque di appiopparsi la qualifica di “counselor” e di conseguenza capisco la diffidenza che è venuta a crearsi.

In Italia alla domanda “Cosa fai?” la mia risposta di “Sono counselor” è sempre seguita da uno sguardo vago, tra il perplesso e lo scettico, che mi spinge a lanciarmi in una frenetica spiegazione, durante la quale spesso mi ritrovo confusa quanto il mio interlocutore. 

Il counselor non ha pazienti, ma clienti; non cura, ma guida; incoraggia il cliente a prendere responsabilità per le sue scelte, senza dare consigli o diagnosi. 

Un concetto diverso ed effettivamente un po’ difficile da comprendere.

Siamo abituati ad andare da qualcuno che possa risolvere i nostri problemi, un professionista che sia in controllo e possa dirci esattamente cosa fare. Il counselor non risolve, anzi, spesso dopo una sessione ci ritroviamo con domande che non ci eravamo mai posti prima, alle quali non troviamo inizialmente una risposta.

Ma sono proprio queste domande inaspettate che ci aiutano a sviluppare una nuova consapevolezza, a conoscerci meglio e cominciare a capire cos’è davvero importante.

I miei clienti hanno innanzi tutto bisogno di essere ascoltati e di fare chiarezza su alcuni aspetti della loro vita che non li soddisfa.

Sono persone comuni che ad un certo punto si rendono conto di volere di più

Nella vita quotidiana non capita spesso di avere un’ora tutta per noi durante la quale esplorare a fondo cosa vogliamo veramente. Le mille attività giornaliere fanno si che i nostri bisogni vengano spesso lasciati da parte, accantonati in un angolo, inascoltati. Così facendo dimentichiamo cos’è importante, quali sono i nostri valori e ci allontaniamo dalla vita che vorremmo. 

Durante una sessione di counseling abbiamo la possibilità di fermarci un attimo e cercare di capire quale direzione vogliamo prendere, esaminare le nostre forze ed accettare le nostre debolezze.

Il mio lavoro è di incoraggiare il cliente a concentrarsi sul presente, identificando gli ostacoli e i blocchi che  impediscono di vivere una vita appagante e stabilendo insieme obbiettivi realizzabili, sia a breve che a lungo termine.

Il mio lavoro è soprattutto ascoltare senza giudicare.

Perché uno dei benefici più ovvi e allo stesso tempo più preziosi che si ottiene da un percorso di counselling, è quello di sentirsi ascoltati e capiti.

Mi piacerebbe finire questo post con una perla di saggezza che possa far capire esattamente cos’é il counselor e facilitare la mia risposta alla temuta domanda “cosa fai”.

Ci ho pensato parecchio e ho fallito.

Così vi lascio, ancora una volta, con le parole di Carl Rogers:

Se una persona si trova in difficoltà, il modo migliore di venirle in aiuto non è quello di dirle esplicitamente cosa fare, quanto piuttosto di aiutarla a comprendere la situazione e a gestire il problema facendole prendere, da sola e pienamente, le responsabilità delle proprie scelte e decisioni. Gli individui hanno in se stessi ampie risorse per auto-comprendersi e per modificare il loro concetto di sé.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. More info

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close